fbpx

Argento: il nuovo bene rifugio per il 2021?

0

L’argento gode di molta attenzione da parte dei media. È un metallo prezioso popolare che si trova in tutto, dalle monete e dai gioielli alle medicine e all’elettronica: i suoi utilizzi come metallo industriale sono quasi infiniti. L’argento è ampiamente scambiato nelle borse dei metalli preziosi. Il suo prezzo di mercato è qualcosa che gli investitori tengono sotto controllo minuto per minuto.

Gli investitori si sono storicamente rivolti all’oro e all’argento come copertura contro l’inflazione e le perdite di investimento in tempi economici incerti. Ma l’argento attrae una forte domanda degli investitori per una serie di altre ragioni: ha gli stessi attributi degli altri metalli preziosi, ma possiede punti di forza e di debolezza unici.

L’inflazione e la possibile instabilità dei mercati

Quindi, un investimento in argento nel 2021 può aver un senso qualora si dovesse verificare quello che molti investitori temono: dopo una straordinaria ripresa delle Borse dal crollo di marzo 2020, gonfiata dagli stimoli fiscali e monetari, la paura che l’inflazione possa sfuggire di mano è alta secondo diversi analisti. In questo contesto, un altro elemento di particolare attenzione è stato il VIX, ovvero l’indice che misura la volatilità implicita nelle opzioni dell’S&P 500, ovvero la variabilità attesa dell’indice nei successivi 30 giorni. Fra gennaio e febbraio 2021 il VIX ha toccato quota 37, dove la soglia critica (quella che esprime una volatilità implicita allarmante) ha un punteggio di 30.  Proprio per questo motivo, il VIX ha anche il soprannome di “indice della paura”: un valore molto alto suggerisce una possibile futura instabilità sui mercati.

È ovvio che non possiamo prevedere il futuro: nelle ultime settimane il VIX è tornato su un livello inferiore a 20, mentre la paura dell’inflazione sembra essere scemata. Nonostante questo, il 2020 ha dimostrato come tutto possa essere possibile, nel bene e nel male: bisogna dunque farsi trovare preparati per qualsiasi evenienza. Dunque: l’argento può essere considerato il “bene rifugio” del 2021?

Perché l’argento può essere un bene rifugio

L’argento è sicuramente sempre più utilizzato come materia prima industriale, giocando un ruolo importante nell’economia industriale: è, infatti, un ingrediente chiave nei pannelli solari, nei veicoli elettrici e nelle batterie degli smartphone.  I trend di produzione, soprattutto per i pannelli solari e i veicoli elettrici, è in grande crescita negli ultimi tempi.

Per quanto riguarda la “green economy”, basti pensare al Green New Deal, un patto stilato da tutti i Paesi membri dell’Unione Europea per raggiungere la neutralità delle emissioni inquinanti entro il 2050: per farlo, sarà necessario realizzare strutture e apparecchi che, come i pannelli fotovoltaici, utilizzano l’argento per i loro componenti. 

Della crescita del mondo dei veicoli elettrici, invece, ve ne avevamo parlato in questo articolo di gennaio: con l’aumento di produzione, aumenterà di pari passo l’utilizzo dell’argento. Secondo i dati forniti dal Silver Institute, l’utilizzo di argento per questo settore passerà dalle 1.560 tonnellate complessive del 2020 alle 1.720 del 2021. Inoltre, entro il 2025 si stima l’utilizzo di circa 2.780 tonnellate di argento l’anno.

Infine, un altro elemento da valutare è il prezzo dell’argento, sensibilmente inferiore a quello dei metalli tradizionali come l’oro. È inoltre relativamente facile comprarlo: oltre all’acquisto fisico in lingotti o in monete, sul mercato sono disponibili anche una manciata di ETC a replica fisica (dunque che investono direttamente nel settore), come l’Xtacker Physical Silver ETC – DE000A1E0HS6 o il WisdomTree Physical Silver – JE00B1VS3333.

Conclusioni sull’argento

Abbiamo visto come l’argento possa essere il “bene rifugio” per il 2021, qualora dovessero arrivare i tempi incerti così tanto temuti da alcuni analisti e investitori. Non sappiamo come si evolverà la situazione, ma i nostri lettori dovrebbero tenere a mente ogni evenienza e farsi trovare preparati. Bisogna infatti ricordare che l’argento, come l’oro, copre necessità ben specifiche: proteggersi da eventuali tempi avversi dettati da un’inflazione galoppante. Non è dunque un investimento che si sposa bene con obiettivi di lungo periodo, quanto piuttosto con l’idea di un ribilanciamento del portafoglio in caso di calo dei mercati azionari. In ogni caso, sull’onda della green economy e dei timori della finanza, potrebbe essere l’investimento giusto per il 2021.

Share.

About Author

È stato editorialista di diverse testate giornalistiche di tipo finanziario prima di approdare a Rendimento Fondi, dove è diventato presto la punta di diamante del team editoriale. È considerato nell’industria uno degli analisti top expert del settore automotive. È laureato in Economia Aziendale e in Management Internazionale presso l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia.

Leave A Reply