fbpx
Siamo apparsi regolarmente su:
IlSole24OreIlGiornale

Teniamo monitorato il nostro investimento in ETF

Come possiamo monitorare il nostro investimento in ETF? Devo visitare la pagina dedicata al mio portafoglio ogni giorno, oppure basta una volta ogni tanto? E se poi il mercato crolla?

Una volta che si inizia a investire, può essere emozionante monitorare i propri progressi: è come se avessimo cominciato un nuovo percorso, e tenere traccia dei nostri progressi ci riempie di soddisfazione.

Spesso però questo atteggiamento trasforma l’investimento in una cosa che sembra più difficile del previsto, operativamente e psicologicamente: giornate col telefono in mano a controllare l’andamento dei mercati, stress a ogni minimo momento di ribasso delle Borse, ricerca forsennata di notizie sugli strumenti inseriti nel nostro portafoglio ETF sono solo alcuni esempi delle abitudini che non fanno altro che rovinare tutto.

Ecco perché RendimentoFondi ha ideato il Metodo RF, un metodo che permette all’investitore di stare tranquillo seguendo i segnali del Trendycator, che ci indicano quando conviene entrare in posizione o liquidarla nei momenti più opportuni.

In questo articolo vedremo come monitorare il nostro portafoglio ETF sia in realtà una cosa piuttosto semplice, riprendendo esattamente dove ci eravamo lasciati con il precedente articolo “Investire in ETF: un portafoglio ETF in pochi click”.

 

Cosa abbiamo visto nei precedenti articoli della serie “Come investire in ETF

Procediamo però con ordine: prima di scoprire come tenere monitorato il nostro investimento in ETF, dobbiamo assicurarci di avere ben chiari tutti gli altri principi di questi strumenti finanziari, per comprendere appieno la loro logica.

Di seguito ti mostro quindi cosa abbiamo visto insieme fino ad ora, negli articoli dedicati agli ETF. Clicca sul titolo di ognuno per leggerli con tutta calma:

  1. Cosa sono gli ETF?
  2. Decifriamo i nomi degli ETF
  3. Gli ETF strutturati
  4. ETF attivi contro Fondi attivi
  5. ETC: cosa sono e come funzionano
  6. Investire in valute dal divano di casa
  7. Gli ETF Smart Beta parte 1
  8. Gli ETF Smart Beta parte 2
  9. Come funzionano gli ETF: creazione e gestione
  10. Come funzionano gli ETF: la replica del sottostante
  11. La liquidità degli ETF: perché è importante conoscerla
  12. Investire in ETF: pro e contro
  13. Scoviamo solo i migliori ETF grazie al Ranking
  14. Investire in ETF: un portafoglio ETF pochi click

ISCRIVITI GRATIS AL NOSTRO VIDEO-CORSO COMPLETO “IL METODO RF”>>

 

Come monitorare il nostro investimento in ETF

Come menzionato prima, spesso c’è il timore che la finanza e gli investimenti siano qualcosa di complicato che richieda troppo tempo da sottrarre ai nostri impegni lavorativi e non.

Questo comportamento è spesso collegato al paradosso dell’Analysis Paralysis: troppe informazioni finiscono con il confonderci e con il paralizzarci. Non compiamo alcuna scelta perché ci facciamo prendere dalla “sindrome dell’analista”: ci spaventiamo per via delle continue informazioni che ci arrivano da ogni parte.

La realtà è che basta seguire la regola delle tre barrettine: entrare su RendimentoFondi una volta ogni tre settimane per monitorare l’andamento del nostro portafoglio è più che sufficiente.

Se siamo presi dal nostro lavoro, o se abbiamo troppa paura di agire, guardare ogni giorno l’andamento del mercato azionario non serve a nulla: basta stabilire un intervallo periodico, di una, due o tre settimane per osservare come sta andando il nostro investimento.

Il modello Trendycator, e il Metodo RF in generale, ha come obiettivo proprio questo: monitorare periodicamente l’andamento del nostro portafoglio, attraverso i segnali di BUY e SELL che il Trendycator ci indica, ovvero il momento esatto nel quale acquistare o vendere la quota di un ETF, legato a un timeframe di tipo settimanale, in modo tale da dormire sonni tranquilli senza dover tenere d’occhio ogni singolo giorno il nostro investimento.

Dopotutto, non sarebbe meglio conoscere i momenti in cui è opportuno rimanere liquidi, o investire in altro, evitandoci lunghi mesi di perdite, ansie e stress per non sapere cosa fare, ed entrare nuovamente in posizione quando il trend è nuovamente positivo?

Basta, ho detto troppo: per scoprire il funzionamento di Trendycator nel dettaglio ti consiglio di leggere con attenzione la pagina dedicata.

 

Monitoriamo il portafoglio ETF con il Trendycator

Ora che abbiamo studiato nel dettaglio il funzionamento del Trendycator, vediamolo all’opera con il nostro portafoglio ETF che abbiamo creato nel precedente articolo.

Nell’immagine seguente vediamo tre colonne in particolare: “Alert”, “Signal” e “Trendycator”.

Queste sono le colonne da monitorare quando periodicamente entriamo su RendimentoFondi, perché sono quelle che ci segnalano il trend di fondo dello strumento finanziario inserito in portafoglio e soprattutto eventuali nuovi segnali operativi.

In questo modo, tu stesso dopo aver costruito il proprio portafoglio personale nella sezione “I miei portafogli”, potrai vedere in prima persona su quali titoli conviene entrare o uscire.

Non solo: RendimentoFondi mette a disposizione dei propri lettori abbonati anche la possibilità di visionare l’equity line del proprio portafoglio, in modo del tutto analogo a quello dei singoli strumenti finanziari.

Per farlo, ci basta cliccare su “Equity portafoglio” come nell’immagine seguente:

La schermata che si aprirà mostra immediatamente l’equity line del nostro portafoglio:

Infine, vale la pena di ricordare che due o più portafogli possono essere confrontati proprio attraverso la loro equity line. Per fare ciò, ci basta selezionare i portafogli di interesse nella pagina iniziale della sezione “I miei portafogli”, e cliccare successivamente su “Equity portafoglio”:

Così facendo, vediamo l’andamento dei portafogli attraverso la loro equity line.

 

Conclusioni su come tenere monitorato un investimento in ETF

Bene, ora sai tutto su come investire in ETF, grazie alla serie di articoli dedicati che si conclude proprio con questo articolo.

Dopo aver visto infatti gli elementi teorici di un ETF, come gli elementi che lo compongono, le varie tipologie di ETF, o come funziona la loro creazione o la replica del sottostante, siamo passati poi a studiare questi strumenti nella pratica, andando a realizzare un vero e proprio portafoglio ETF.

Infine, con questo articolo abbiamo imparato a tenere monitorato il nostro investimento in ETF, attraverso i segnali di Trendycator.

Di seguito ti lascio dunque tutto il pacchetto di articoli che RendimentoFondi ha pensato per i risparmiatori interessati a investire in ETF, qualora volessi recuperare o ripassare qualche argomento nel dettaglio.

A noi non resta che augurarti buon RendimentoFondi con i tuoi investimenti in ETF.

Elenco completo articoli del corso “Come investire in ETF

  1. Cosa sono gli ETF?
  2. Decifriamo i nomi degli ETF
  3. Gli ETF strutturati
  4. ETF attivi contro Fondi attivi
  5. ETC: cosa sono e come funzionano
  6. Investire in valute dal divano di casa
  7. Gli ETF Smart Beta parte 1
  8. Gli ETF Smart Beta parte 2
  9. Come funzionano gli ETF: creazione e gestione
  10. Come funzionano gli ETF: la replica del sottostante
  11. La liquidità degli ETF: perché è importante conoscerla
  12. Investire in ETF: pro e contro
  13. Scoviamo solo i migliori ETF grazie al Ranking
  14. Investire in ETF: un portafoglio ETF pochi click
  15. Teniamo monitorato il nostro investimento in ETF

ISCRIVITI GRATIS AL NOSTRO VIDEO-CORSO COMPLETO “IL METODO RF”>>

L'unico Circolo nato per affrontare insieme i mercati.