fbpx

La regola delle tre barrettine

0

La regola delle tre barrettine è soprattutto una regola di buon senso.

Hai tempo di seguire i tuoi investimenti ogni 3 settimane?

Qualche sera fa, parlando con un caro amico, imprenditore, ho notato che spesso c’è quasi il timore che la finanza e gli investimenti siano qualcosa di difficile e che richieda troppo tempo da sottrarre al proprio lavoro.

Troppo spesso ci sentiamo sopraffatti dal nostro lavoro e pensiamo di non aver tempo da impiegare per capire una materia solo all’apparenza così complessa come i grafici di borsa e gli investimenti.

È strano però che noi tendiamo a specializzarci così tanto nel nostro lavoro e a disinteressarci del frutto stesso di tutto questo lavoro: il nostro risparmio, frutto di enormi sacrifici per tutti.

Come fare a seguire RendimentoFondi se non ho tempo?

Alla domanda come fare a seguire RendimentoFondi se non ho tempo ho semplicemente risposto: hai tempo di guardare un sito di finanza ogni 3 settimane?

Su Facebook ci andiamo tutti almeno 10 volte al giorno, non si capisce perché costi tanta fatica seguire un sito di finanza operativa, ma qui si torna al punto uno del generale disinteresse nei confronti della materia investimenti.

Perché ho suggerito di accedere al sito proprio ogni tre settimane?

Voglio spiegartelo senza entrare nei tecnicismi per farti capire quanto la finanza a volte possa essere facile e comprensibile, soprattutto quando a monte qualcuno ha lavorato anni per renderla tale.

Un qualsiasi grafico di Borsa è composto da “barrettine” che si muovono (definizione Investopedia di Candlestick), queste barrettine colorate sono rosse quando la seduta ha chiuso in negativo e verdi quando ha chiuso in positivo.

Su RendimentoFondi ogni barrettina di default ha la durata di una settimana (weekly) a meno che il lettore volutamente decida di passare alla visualizzazione daily (giornaliera).

La visione dei grafici weekly è più adatta ad un investimento di medio-lungo respiro, magari in fondi, dove il vantaggio è proprio quello di avere posizioni che permangono in essere anche mesi o anni.

La visione dei grafici daily è più adatta ad un investimento veloce, come ad esempio quello azionario dove si intende prendere profitto da brevi movimenti di mercato che possono andare da pochi giorni a qualche mese.

Vediamo dunque le famose “barrettine” di un fondo comune

grafico

Come si vede bene in questo grafico, quando un trend persiste, il Trendycator è in grado di intercettarlo e mantenerlo per tutta la sua durata rimanendo in posizione anche 10 anni come nel caso sopra se necessario.

Ti dirò di più, adesso abbiamo fatto in modo che sul grafico venga segnalato BUY (comprare) e SELL (vendere), proprio per fugare ogni dubbio. Non c’è nulla da studiare, come vedi è tutto facile ed intuitivo.

Ma la cosa migliore da notare è che prima della grande salita il sistema era rimasto fuori durante due anni di discesa, e non è poco.

Questo comportamento lo si osserva ancora meglio se si visualizza la curva cumulata dei profitti (equity-line), costruita partendo da 10.000 euro di capitale iniziale.

Questa curva prende solo il buono dal fondo al quale viene applicato, abbandonandolo temporaneamente quando le quotazioni sono in calo.

equity

Riprendiamo la storia dalla domanda sulle tre barrettine per giungere finalmente alla conclusione.

Una barrettina rappresenta temporalmente una settimana di Borsa, dunque se anche sei super impegnato e lavori spesso all’estero non hai il tempo di guardare un sito di finanza ogni tre settimane? In fin dei conti tre settimane generano 3 barrettine su un grafico che non spostano la bontà degli investimenti, soprattutto quelli pensati per durare nel medio-lungo periodo.

Cosa ne pensi, vista in quest’ottica non sembra anche a te meno gravoso prenderti cura del tuo risparmio?

Guarda anche il video articolo:

Share.

About Author

Dr. Walter Demaria Laurea in Psicoeconomia, è uno dei più noti consulenti finanziari italiani. E’ tra i fondatori di Rendimento Fondi ed è editorialista di diversi quotidiani finanziari. Insieme a Massimo Gotta ha pubblicato “Investire in obbligazioni”, Trading Library, 2013, che è ad oggi un best seller tra i testi che si occupano in maniera operativa dell’investimento in obbligazioni. Ha un approccio ai mercati di tipo quantitativo e ha ideato il modello Trendycator che applica quotidianamente nella sua professione.

Leave A Reply