fbpx
Siamo apparsi regolarmente su:
IlGiornaleIlSole24Ore

Sai come tenere costantemente monitorato il nostro investimento in fondi comuni?
Sai come ottimizzare la sopportabilità psicologica dell’investimento?
Sai come riconoscere il momento ottimale di ingresso e uscita da un fondo comune?

Il modello Trendycator di RendimentoFondi è stato pensato proprio per fornire ai lettori una risposta a questi interrogativi.

In questo articolo riprenderemo il funzionamento dell’indicatore Trendycator e vedremo come possa essere utilizzato in modo chiaro e trasparente sia per monitorare l’andamento del nostro portafoglio, sia per confrontare diversi prodotti finanziari e per prendere decisioni operative.

Prima di addentrarci nell’analisi, ci teniamo a sottolineare come questo articolo vada ad inserirsi in un più ampio pacchetto di pubblicazioni che RendimentoFondi ha recentemente rilasciato per i risparmiatori che vogliono approfondire la conoscenza, sia teorica che pratica, degli elementi chiave che caratterizzano l’investimento in fondi comuni. Li elenchiamo di seguito:

  1. Che cosa sono i fondi comuni di investimento
  2. Cosa sono le classi di azioni sui fondi comuni
  3. Benchmark e stili dei fondi comuni di investimento
  4. Tipologie di fondi comuni di investimento
  5. Costi dei fondi comuni di investimento
  6. Indicatori di performance per i fondi comuni di investimento
  7. Migliori broker per i fondi comuni di investimento
  8. Fondi a cedola
  9. Investire in fondi comuni: pro e contro
  10. La classifica dei migliori Fondi comuni di investimento a basso rischio
  11. Come scegliere i fondi comuni di investimento

In particolare, ti invitiamo a leggere l’articolo ‘Come scegliere i fondi comuni di investimento’ nel quale avevamo delineato i passaggi necessari per costruire il proprio portafoglio personale e come sfruttare gli strumenti della sezione ‘i miei portafogli’ per monitorarne le performance. Infatti, ripartiremo da quei concetti per approfondire la logica di costruzione e il funzionamento del modello Trendycator.

 

ISCRIVITI GRATIS AL NOSTRO VIDEO-CORSO COMPLETO “IL METODO RF”

 

L’importanza di monitorare il nostro investimento in fondi comuni

nel corso del tempo sui mercati si sono susseguiti diversi periodi di che hanno provocato significativi ribassi sui mercati internazionali. Questi crolli delle quotazioni spesso in poche settimane hanno eroso guadagni che i titoli hanno cumulato anche per alcuni anni passati.

D’altro canto, grazie alla diversificazione, i fondi comuni di investimento hanno risentito meno delle singole azioni delle ingenti discese sperimentate in questi anni. Tuttavia, in alcuni periodi anche sul mercato dei fondi si è assistito a forti tendenze ribassiste.

Inoltre, spesso al risparmiatore viene proposta la strategia buy and hold sui fondi, ipotizzando che non dovremmo preoccuparci dei crolli di mercato e di rimanere investiti a prescindere dalle notizie macro o microeconomiche, basandoci sull’assunto che nel lungo periodo il mercato è comunque destinato a crescere.

Di certo esiste un fondo di verità in questa strategia, ma spesso si sottovaluta che il mercato, come realmente sperimentato, potrebbe metterci anche un tempo molto lungo a recuperare le perdite sopportando così tutte le oscillazioni dei mercati.

Non sarebbe quindi preferibile conoscere i momenti in cui è più opportuno rimanere liquidi, o investire in altro, evitandoci anche lunghi mesi o anni di perdite, per poi entrare nuovamente con il capitale nel fondo quando la tendenza di medio-lungo periodo riprende forza?

 

La necessità di utilizzare Trendycator nell’investimento in fondi comuni

Nonostante si sia compreso come il monitoraggio periodico delle performance del nostro investimento sia fondamentale per l’impatto che può generare sui rendimenti, questa possibilità è preclusa al risparmiatore quando non si “attrezza” con gli strumenti giusti.

Infatti, i numerosi impegni che caratterizzano la vita quotidiana, siano essi di lavoro o familiari, non permettono di controllare in ogni momento l’eventuale presenza di notizie che potrebbero avere conseguenze negative sul nostro portafoglio. Per le stesse motivazioni, spesso non ci è possibile nemmeno controllare costantemente i grafici degli strumenti finanziari nei quali siamo investiti.

Nonostante questa premessa, e anche se avessimo il tempo per seguire real-time i nostri investimenti, sapremmo davvero come agire in ogni condizione di mercato?

Continuare a fissare un investimento in perdita, se non sappiamo cosa fare, potrebbe rendere psicologicamente insostenibile l’investimento stesso, portandoci a prendere scelte impulsive e irrazionali.

Il modello Trendycator, legato ad una operatività di tipo weekly (settimanale), offre al risparmiatore una possibile risposta a queste problematiche operative.

Ribadiamo che risparmiare non significa fare trading, dunque è corretto in quest’ottica adottare una metodologia, e un time-frame, che ci permetta di investire senza sottrarre eccessivo tempo agli impegni della vita quotidiana.

 

Visualizzare e confrontare i risultati del Trendycator

RendomentoFondi mette a disposizione l’equity line (curva cumulata dei profitti) del modello Trendycator su tutti gli strumenti presenti sul sito. Questa linea è strumento rapido e trasparente per visualizzare in modo facilmente interpretabile i risultati dell’operatività del Trendycator in un dato periodo temporale. Nella figura seguente è mostrata l’equity line di un fondo comune di investimento.

Equity line modello Trendycator su un singolo fondo comune

L’equity line riporta tutti i profitti e le perdite che avremmo conseguito se avessimo seguito alla lettera i segnali di Buy e Sell offerti dal Trendycator. Inoltre, come rappresentato nel riquadro in nero, possiamo apprezzare anche quando il Trendycator è rimasto neutrale, dopo l’indicazione di vendita del marzo 2020 vista in precedenza. Da quel momento, avendoci suggerito di rimanere liquidi, l’equity line è rimasta piatta fino a nuovo ordine di acquisto.

Infine, è importante sottolineare come i risultati conseguiti dal Trendycator possano essere confrontati anche fra più prodotti finanziari al fine di indirizzare la nostra scelta, fra due strumenti simili, verso il titolo sul quale il modello ha offerto performance superiori o è riuscito a farci sopportare minore volatilità.

Nell’esempio vediamo le equity line, generate dai segnali di Trendycator, di due fondi a confronto. L’esempio è utile per comprendere come anche su titoli simili, in figura due fondi azionari esposti a società europee, il Trendycator possa generare risultati diversi.

equity line a confronto con Trendycator

Per questo sono utilissimi i confronti grafici offerti da RendimentoFondi.

 

L’operatività allargata del Trendycator

Fino a questo momento abbiamo presentato il funzionamento di Trendycator su singoli titoli. Tuttavia, il Trendycator può essere utilizzato su un intero portafoglio personale.

Infatti, riprendendo la simulazione di portafoglio descritta nella precedente pubblicazione, ora siamo in grado di capire meglio il significato delle colonne “Alert”, “Signal” e “Trendycator”.

Prtafoglio simulazione Trendycator

Grazie agli strumenti unici di RendimentoFondi, tu stesso dopo aver costruito il proprio portafoglio personale nella sezione i miei portafogli, potrai seguirne i segnali giornalmente o settimanalmente, a seconda della frequenza di interesse, avendo subito a tua disposizione le indicazioni di ingresso o uscita su tutti i tuoi titoli.

In questo modo, non dovrai più osservare ogni minuto l’andamento dei grafici delle decine di strumenti ai quali sei esposto ma ti basterà entrare con minor frequenza su RendimentoFondi e osservare su quali strumenti del tuo portafoglio il modello Trendycator ha eventualmente fornito dei segnali operativi da attenzionare. Si potrà andare quindi ad intervenire solamente sui titoli segnalati risparmiando ore di analisi e rendendo psicologicamente più sopportabile l’investimento.

 

Conclusione su come Teniamo monitorato il nostro investimento in fondi comuni

Con questo articolo abbiamo voluto chiudere il cerchio del corso a tema fondi comuni di investimento, chiarendo come il Trendycator sia in grado di offrirci continui segnali operativi su titoli mirati in modo da ottimizzare le probabilità di conseguire rendimenti e di frenare sul nascere ingenti perdite potenziali.

Ovviamente è possibile anche visualizzare e tenere monitorata la equity line complessiva del nostro portafoglio, la quale fornirà la sommatoria di tutte le operazioni poste in essere dal portafoglio.

Di seguito ti alleghiamo tutto il pacchetto di articoli pensato per i risparmiatori interessanti all’investimento in fondi comuni. Mediante questi articoli abbiamo inizialmente cercato, attraverso nozioni teoriche, di approfondire la conoscenza dei lettori sui fondi comuni e sulla loro valutazione in modo da offrire suggerimenti per la costruzione di un portafoglio esposto a questi prodotti di risparmio gestito.

In seguito, facendo ricorso agli strumenti offerti da RendimentoFondi, abbiamo presentato alcuni indicatori e funzionalità in grado di selezionare e confrontare i migliori fondi, in modo rapido e senza perdite di tempo, ma anche di monitorarne nel tempo le performance.

  1. Che cosa sono i fondi comuni di investimento
  2. Cosa sono le classi di azioni sui fondi comuni
  3. Benchmark e stili dei fondi comuni di investimento
  4. Tipologie di fondi comuni di investimento
  5. Costi dei fondi comuni di investimento
  6. Indicatori di performance per i fondi comuni di investimento
  7. Migliori broker per i fondi comuni di investimento
  8. Fondi a cedola
  9. Investire in fondi comuni: pro e contro
  10. La classifica dei migliori Fondi comuni di investimento a basso rischio
  11. Come scegliere i fondi comuni di investimento
  12. Teniamo monitorato il nostro investimento in fondi comuni

 

ISCRIVITI GRATIS AL NOSTRO VIDEO-CORSO COMPLETO “IL METODO RF”

Share.

L'articolo che hai appena letto è stato scritto da Marco Buonafede. Esperto di economia e finanza, ha collaborato con numerose testate giornalistiche prima di approdare a RendimentoFondi. Laureato in economia all'Università di Torino e laureato in Finanza con Lode alla Luiss Guido Carli di Roma. Dal 2022 è iscritto all'albo dei Consulenti Finanziari Indipendenti con matricola n.629663.

Comments are closed.